Mini appartamento a Milano

Descrizione

In questo progetto abbiamo dovuto affrontare tutte le problematiche relative al tema dello spazio minimo. Si tratta di un argomento che amiamo particolarmente perchè è molto attuale e ci da la possibilità di sperimentare soluzioni interessanti e innovative.
Le case di ringhiera della vecchia Milano hanno il vantaggio di avere spesso soffitti molto alti. Questo dà l’opportunità di realizzare soppalchi che permettono, se attentamente progettati, di creare spazio abitabile dove non si pensava di averne.
In questo caso, al piano superiore è stata collocata un’accogliente e spaziosa zona notte. In particolare in un piccolo appartamento di due locali come questo, nascondere il letto alla vista di chi entra rende lo spazio percepito di più ampio respiro.
Per evitare la presenza di un pilastro all’interno della camera, la struttura del soppalco è stata realizzata con travi in metallo che hanno permesso di trasferire il carico ai muri portanti. Per il piano di calpestio è stato scelto un assito in perline da 20 mm in abete, ad incastro maschio e femmina. L’effetto di luminosità dell’ambiente è stato garantito dalla verniciatura bianca delle travi e dal colore chiaro del legno.
Per il bagno, estremamente ridotto, era assolutamente importante contrastare il senso di soffocamento e abbiamo optato per l’installazione di un box doccia che “scompare” quando non viene utilizzato, con sanitari sospesi che liberano porzioni di pavimento e con abbinamenti cromatici e di materiali luminosi.